| | Chiudi

Settecase

L’edificio, composto da sette unità abitative, si trova in un lotto d’angolo a ridosso di due strade. L’impianto planivolumetrico si differenzia dal contesto proponendo una disposizione a “c” degli alloggi, che spiccano per una copertura in lamiera di rame, definita da una sequenza di falde inclinate contrapposte tra loro ed intervallate da tetti piani.
L’accesso alle singole residenze avviene dallo spazio comune della corte centrale, attraverso delle logge scavate nel volume dell’edificio.
Questi spazi rivestiti di legno e dai differenti cromatismi sono l’acceso principale agli alloggi costituiti da ingresso, cucina, pranzosoggiorno, bagno e camera matrimoniale. Da ciascuna di queste stanze, disposte in successione, si accede ai giardini privati dalle varie dimensioni. Il passaggio tra interno ed esterno privato è segnato dall’arretramento delle pareti al piano terra, configurando dei vuoti, “spazi filtro” sottolineati dalle pedane di legno a sbalzo.

Credits:

Progettisti: C&P Architetti _ Luca Cuzzolin + Elena Pedrina
Collaboratori: Silvia Cibinetto, Massimo Rinaldo, Silvia Rizzo, Luca De Moliner, Enrico Cosmo
Consulenti: Remo De Zotti, Studio Delta, Mauro Dalla Libera
Strutture: Davide Magnolato
Fotografia: Alessandra Chemollo